CORSI DI APPROFONDIMENTO 2018/19

 

 

EVOLUZIONE UMANA E SVILUPPO DELLA COSCIENZA
Gli incontri sono riservati ai soci che hanno concluso il Corso di Meditazione Creativa.

L’evoluzione umana non è che il passaggio da uno stato di coscienza a un altro. È una successione di espansioni, uno sviluppo della consapevolezza, caratteristica dominante dell’essere umano.
Nello sviluppo della coscienza, la facoltà di conoscere si estende dapprima oltre i limiti che la confinano entro i regni minerale, vegetale e animale, e successivamente ai mondi fisico, emotivo e mentale in cui la personalità evolve, al Pianeta nel quale l’essere umano svolge il suo ruolo, al Sistema in cui quel pianeta ruota, fino a oltrepassare anche quei limiti e divenire Universale.

Psicologia esoterica 1

9 settembre, 7 ottobre, 18 novembre, 16 dicembre
27 gennaio, 24 febbraio, 17 marzo, 14 aprile, 5 maggio, 16 giugno, 27-28 luglio.

_______________________________________________________________________

CONOSCERE L’AGNI YOGA
Gli incontri sono riservati ai soci che hanno concluso almeno tre corsi di approfondimento.

L’Agni Yoga non è una disciplina fisica, meditativa o ascetica, ma una pratica per la vita quotidiana. È lo yoga dell’energia del fuoco della coscienza e del pensiero diretto e responsabile. Insegna che l’evoluzione della coscienza planetaria è una pressante necessità e che, attraverso lo sforzo individuale, essa è per l’umanità un’aspirazione realizzabile. È un Insegnamento che aiuta lo studente a scoprire i capisaldi etici e spirituali mediante i quali governare la propria vita e così contribuire al Bene Comune.

Comunità

8 settembre, 6 ottobre, 17 novembre, 15 dicembre

Agni Yoga

26 gennaio, 23 febbraio, 16 marzo, 13 aprile, 4 maggio, 15 giugno, 14-14 luglio.

 

 

CONVEGNO 2018

Un mondo che nasce invece di un mondo che è: ecco ciò che ci suggerisce, ecco ciò che addirittura il fenomeno umano ci costringe ad ammettere, se veramente vogliamo riservare a tale fenomeno un posto in questa evoluzione in cui siamo stati obbligati a lasciarlo entrare”. (Teilhard de Chardin)

Il futuro non è mai assolutamente avulso dal presente, come questo non lo è dal passato. È per tale ragione che il futuro si dispiega attraverso il cambiamento di ciò che esiste: la nascita del “nuovo” che trasforma perennemente il presente manifesto.

Possiamo scegliere d’ignorare il futuro – irrigidendoci in una staticità conservatrice – o di strumentalizzarlo – sbandierando come cambiamento la trita ripetizione di sterili copioni, scritti per evitare ogni cambiamento. In entrambi i casi, saremo limitati dalle paure di perdere o di evitare qualcosa, paure che ci bloccheranno impedendoci di cambiare e crescere, mentre il cambiamento è la legge della vita e, come esseri umani, siamo chiamati a cooperarvi divenendo, anzitutto, agenti del cambiamento della nostra coscienza per divenire co-creatori del cambiamento al di fuori di noi.

L’esperienza del cambiamento può essere così interpretata come una continua creazione, nella quale ogni scelta produce gli effetti che determinano il futuro. Inserendo il cambiamento nel contesto ciclico della vita, ci apriamo infatti a una cornice di possibilità all’interno di un cambiamento continuo, dove ogni ciclo minore ha un senso in quanto parte di un ciclo maggiore.

Ampliando la coscienza al ciclo maggiore, possiamo vivere la contemporanea esperienza della persistenza (nel ciclo maggiore) e del cambiamento (in quello minore) e accogliere la diversità come ricchezza e scambio mutevole, perché abbiamo stabilito una salda relazione verso l’alto con la stabilità, la pace, l’immutabilità del ciclo maggiore, che ci immette nel movimento ciclico della Totalità.

Il Convegno, articolato in due sessioni teorico-esperienziali, è un’occasione di confronto e riflessione in gruppo per intuire le direzioni verso cui muoverci insieme per realizzare il Bene comune.

 

24 novembre 2018 – ore 9,00/19,00
Palermo, Hotel Bellevue del Golfo

_______________________________________________________________________

29 maggio – 2 giugno 2019

Città della Pieve, Aula della Cultura